Prezzo Oro

Quotazione Oro

24-11-2017

34,93 €/g

icona quotazione oro
Quotazione Argento

24-11-2017

460,00 €/Kg

icona quotazione oro

Menu Principale

Altri preziosi: il palladio

I metalli preziosi sono definiti dei beni rifugio, in quanto tornano sempre alla ribalta quando è necessario difendersi in caso di crisi economica, guerre, tassi d’inflazione troppo alti e capovolgimenti di valuta. L’Italia, d’altro canto, si distingue per una serie di norme restrittive circa l’acquisto e la vendita di questi beni da parte del privato cittadino, come forma di tutela sia per il compratore che per il venditore.

Oltre a oro, argento e platino, esiste un altro metallo prezioso che si presta ad essere un bene rifugio, cioè il palladio. Esso si trova in natura come metallo libero o lega con il platino. Venne scoperto agli inizi del 1800 in contemporanea con il rodio. Prima di essere considerato un metallo da investimento, il palladio veniva utilizzato come cura per la tubercolosi, somministrando ai pazienti affetti dei bassi dosaggi.

Il palladio è utilizzato principalmente nei convertitori catalitici per i tubi di scarico dei veicoli alimentati a benzina. Il progressivo aumento della domanda di palladio ha fatto crescere le sue quotazioni in maniera rapida e ad oggi viene considerato uno dei migliori metalli su cui investire, anche se attualmente i prezzi di questo metallo hanno superato recentemente i 750 dollari l’oncia. La ragione principale di questa crescita di prezzo, e quindi un apprezzamento per il materiale palladio, sono le preoccupazioni per le future possibilità di approvvigionamento, specialmente del Sudafrica e della Russia. Il palladio, infatti, si trova in abbondanza in Sudafrica, una nazione costellata da guerre tra le società minerarie e i sindacati. Solo il Sudafrica produce oltre un terzo del palladio mondiale, quindi questi conflitti sono significativi per la fornitura del metallo. Un altro fattore importante è la riduzione delle forniture di palladio dalla Russia. Per anni, la Russia ha intaccato le sue riserve, vendendo il prezioso metallo, in quanto aveva accumulato molto palladio, considerato quasi uno scarto delle miniere, prima che venisse scoperta la sua effettiva utilità. Molti esperti mondiali del settore sostengono che le scorte russe siano ormai agli sgoccioli, influenzando notevolmente il mercato.

Ci sono vari modi per investire in palladio, come comprare azioni di società minerarie, tenendo presente che i maggiori produttori del metallo non si concentrano solo su quello. La Norilsk Nickel, la Anglo Platinum American e la Stillwater Mining sono i principali produttori di palladio a livello mondiale. Un altro modo di investire sul metallo è quello di comprare il metallo fisico sotto forma di lingotti o monete, anche se le opzioni di scelta sui lingotti palladio sono limitate. Di solito, gli investitori tendono a comprare dei lingotti da 1 oncia, ma sono trovabili anche dei lingotti da 5 o 10 once, o addirittura quelli da un chilogrammo. Per quanto riguarda la ricerca del palladio come moneta, gli investitori vanno a caccia della canadese Maple Leaf. Comprando del palladio fisicamente, bisogna mettere in conto che si pagherà un premio sul prezzo del metallo e i costi per il trasporto, per la gestione, per l’eventuale custodia e l’assicurazione. Ecco perché questo investimento è considerato a lungo termine.