Prezzo Oro

Quotazione Oro

19-09-2017

35,09 €/g

icona quotazione oro
Quotazione Argento

19-09-2017

460,00 €/Kg

icona quotazione oro

Menu Principale

Quando comprare e vendere l'oro

Acquistare oro durante i momenti di crisi economica è diventata la prassi, soprattutto in questo periodo. Tutti vogliono proteggere il proprio capitale dalla svalutazione che affligge beni, investimenti e azioni. L’oro non conosce crisi, in quanto è considerato un bene rifugio che si rivaluta nel corso del tempo.

Una delle preoccupazioni più comuni per chi acquista oro, specie se è alle prime armi, è quella di non saper cosa comprare esattamente. Come in ogni cosa, ci sono aspetti e dinamiche da valutare attentamente, prima di procedere all’acquisto. Chi è un collezionista, per esempio, si orienterà ad acquistare monete rare e preziose, mentre un investitore sarà orientato ad acquistare dei lingotti. Ovviamente, entrambi dovranno cercare il prezzo più conveniente e cogliere l’opportunità al volo.

I mercati seguono delle determinati fasi: se il mercato inizia a entrare in una fase calante e quindi inizia una vertiginosa discesa, chi investe in azioni e obbligazioni può avere delle perdite consistenti. Entrati nella fase di recessione, diminuisce il potere di acquisto della moneta, la qualità della vita si abbassa, la disoccupazione aumenta. Quando la moneta perde il valore, si ha l’inflazione. Essa non coinvolge minimamente l’oro, solo la moneta: addirittura, chi investe in oro, può arrivare a recuperare tutto il valore perso dalla valuta. L’oro è considerato come una assicurazione contro la fluttuazione delle varie valute, soprattutto il Dollaro US; considerata come unità di misura globale: se il dollaro scende di valore, il prezzo dell’oro aumenta. E quando il prezzo dell’oro inizia ad aumentare, è il momento di venderlo.

In questo periodo di forte crisi, paradossalmente, chi investe in oro può fare delle operazioni finanziarie importanti. Anche gli stessi privati che hanno dei vecchi gioielli, dei lingotti o delle monete d’oro antiche, possono vendere tutto ciò e ritrovarsi con un bel gruzzolo tra le mani, a seconda della tipologia della merce e della valutazione.

Spesso, gli investitori e i privati hanno così fretta di vendere, che si affidano anche a società o cosiddetti professionisti di dubbia natura. Rivolgersi a professionisti qualificati, dotati di apparecchiature necessarie per la valutazione e in grado di rilasciare una documentazione della vendita effettuata, dove si indicano, nel dettaglio, tutti gli articoli, peso compreso. E' importante avere la documentazione in ordine: non è raro incappare in controlli, anche perché non è inusuale che le Forze dell’Ordine facciano dei controlli specifici, per ritrovare della merce rubata. Di solito l’oro che i privati vendono viene fuso per realizzare altri gioielli (lo fanno specialmente le gioiellerie provviste di laboratorio, per risparmiare sui costi: conviene usare l’oro fuso di gioielli piuttosto che ordinare oro e pagar le spese di spedizione assicurata).

Non bisogna badare a sollecitazioni via telefono o tramite dei volantini, specialmente se indicano dei luoghi inusuali per fare questo tipo i contrattazioni, come un salone o un albergo, oppure se il potenziale compratore si vuole presentare direttamente a casa del venditore. Ogni rivenditore professionale, poi, deve concedere al compratore privato una scadenza di almeno sette giorni, in modo che ci possa pensare con calma o consentirgli di cambiare idea. Attenzione anche al comprare o vendere via Internet, stare sempre attenti a verificare che il sito abbia i requisiti di legge, il prezzo di acquisto del metallo e il metodo del calcolo del prezzo, oltre che le specifiche di acquisto siano chiare.